Home Approfondimenti Nba Talk: finalmente Detroit pone fine all’incubo!

Nba Talk: finalmente Detroit pone fine all’incubo!

da michele
Nba Talk

Un saluto a tutti voi cari appassionati di basket e benvenuti per una nuova puntata della nostra rubrica Nba Talk! Vi faccio i migliori auguri di un buon 2024 con la speranza di ritrovarci sempre su queste pagine che parlano di basket e della lega di pallacanestro più bella del mondo. La settimana scorsa avevamo parlato delle partite di Natale mentre quest’oggi il tema del giorno sono quei Detroit Pistons che finalmente sono riusciti a vincere una partita evitando per un pelo di registrare il maggior numero di sconfitte consecutive di sempre che hanno solo uguagliato addirittura a 28. Un vero sollievo per loro, proprio ieri notte è arrivata la tanto sospirata W contro i Toronto Raptors! Guardiamoci insieme le azioni salienti del match:

Partita dura è difficile come previsto ma alla fine vinta dai Pistons 129 a 127

Mamma mia che fatica! Nonostante i Raptors non fossero certo irresistibili visto che avevano appena concluso una trade coi Knicks (OG Anounoby per RJ Barrett e Immanuel Quickley più una scelta 2024) e ovviamente non avevano ancora a disposizione i due giocatori nuovi c’è voluta anche parecchia fortuna, segno che questa squadra ha comprensibilmente perso completamente la fiducia nei propri mezzi. Cade Cunningham ultimamente sta facendo davvero faville come testimoniano anche i 30 punti di ieri ma a parte il numero 2 e una doppia doppia da 18 e 17 di Jalen Duren purtroppo è inutile chiudere gli occhi alla realtà, i Pistons sono veramente poca roba questa stagione e si teme davvero che dopo questa gara riparta una nuova serie negativa.

Questa immagine dice tutto quello che serve sapere sulla partita di ieri

Guardate sopra il povero Cunningham a fine partita: sembra uno che si è tolto il peso più grosso della sua vita, dal canto mio vorrei che più franchigie in Nba si rendano conto che bisogna assolutamente cercare di avere non dico una squadra forte ma per lo meno una che si lasci guardare e che intrattenga almeno il pubblico invece di questo scempio. Perché parliamoci chiaro, si parla tanto dei Pistons perché comunque ovviamente hanno fatto in negativo la storia ma non è che i San Antonio Spurs e i Washington Wizards siano tanto meglio: i primi vantano (si fa per dire) un record di 5 vinte e 26 perse e hanno da poco posto fine ad una striscia di 18 partite perse consecutive mentre la squadra della capitale statunitense ha portato a casa soltanto 6 gare fino ad adesso alla faccia della tanto decantata trade per Jordan Poole.

Jordan Poole è l’esempio vivente che dimostra che a volte i contratti onerosi rovinano le carriere

Si era parlato tanto in estate dello scambio tra Washington Wizards e Golden State Warriors che aveva portato Chris Paul in California in cambio appunto di Jordan Poole ma purtroppo questa prima stagione coi capitolini ha fatto ampiamente vedere i limiti di questo giocatore che potrà anche funzionare come terzo o quarto violino ma non è in grado di mettersi una squadra sulle spalle e guidarla alla terra promessa. Forse siete più interessanti a parlare delle squadre vincenti ma io credo che sia giusto anche lasciare spazio alle compagini più in difficoltà nella speranza che possano invertire la rotta il prima possibile. Fateci comunque sapere la vostra nei commenti, mi raccomando! Per la puntata di oggi della nostra rubrica Nba Talk è davvero tutto, vi auguro buon anno e a risentirci alla prossima settimana sulle pagine di Varzone!

You may also like

Lascia un commento